Blog

Bombing notturno - paki

Vota questo articolo
(0 Voti)

Correva l'anno: forse era il 2000.
Luogo: Selargius. (CA)

Con un amico decidiamo di fare un bombing notturno.
Fatto il bozzetto (anche bruttino) scegliamo come location un tendone da campo da basket, bianco e visibile anche da lontano.

Prendiamo le bombole e con la macchina (una 126 scassata) andiamo a dipingere.
Parcheggiati poco lontano a piedi entriamo dalla recinzione e ci arrampicamo sul tetto della casetta attaccata al tendone.

Era bianco e bello pulito.

Iniziamo la traccia, i riempimenti, gli outline... tutto tranquillo. A un certo punto mancava una bomboletta e il mio amico scende per andare a prenderla dalla macchina. Io rimango su a continuare, ormai mancava poco, ma a un certo punto lo sento gridare e penso "ma che cazzo sta facendo? è entrato dentro?" e invece no.
Era fuori che urlava "Paki Paki... ti stanno rubando la macchinaaaa" al che mi affaccio e vedo in lontananza delle persone attorno alla mia macchina.

"cazzo ...e mo?"

Salto giù dal tetto ed inizio a correre verso la macchina, il mio amico lo stesso. Io esco dalla recinzione facendo un giro leggermente più lungo; lui va dritto verso la rete dietro la quale c'è la macchina e subito grida "lasciate stare la macchina bastardi!!" A quel punto sto per raggiungerli anche io ma inaspettatamente al grido, anzichè scappare, corrono loro verso di me!!

Capisco che non sono ladri ma carabinieri, mi giro e scappo.

Mentre corro sento che mi intimano di fermarmi(e forse sparano due colpi in aria ...mi cago), ma ho il tempo di pensare che non servirebbe a nulla scappare, hanno la macchina, sono fottuto. Mi fermo e alzo le mani.

Mi "aiutano" a gettarmi per terra e mi riempiono di calci... "Cosa stavate rubando? Dov'è il tuo amico?" e non volevano credere che fossimo li a dipingere. Il mio amico viene fuori dai cespugli e accompagnamo i carabinieri a vedere che stavamo realmente dipingendo e non stavamo rubando nulla.

Ci portano in caserma con due macchine... siamo criminali pericolosi.

Ci tengono praticamente tutta la notte li ad aspettare fino a che all'alba possiamo lasciare generalità e una dichiarazione al carabiniere di turno che scrive. Mi prendo una piccola soddisfazione facendogli una piccola supercazzola nel descrivergli il pezzo velocemente. "era colorato di rame con un outline nero e un contro-outline argento.." e lui "...cheee?" "... contorno, un contorno nero.."

morale della storia... il pezzo faceva schifo, la macchina sequestrata, genitori felicissssimi... io con una storia da raccontare!

Letto 426 volte
Altro in questa categoria: Istinto di fuga - farfa tnt »